Oops! It appears that you have disabled your Javascript. In order for you to see this page as it is meant to appear, we ask that you please re-enable your Javascript!

pavimenti nella ristrutturazione

  CANALE VIDEO

pavimenti nella ristrutturazione

RIVESTIRE senza demolire, è un problema che si pone spesso, nel rifacimento dei rivestimenti, e in particolare, per i rivestimenti orizzontali (pavimenti).  Gli aspetti che vincolano la scelta, normalmente sono 2:

 – le altezze interne dei locali

– le porte interne, le porte finestre, il portoncino d’ingresso

Attualmente, l’altezza interna netta minima dei locali abitabili, per abitazioni e uffici, è fissata in 270 cm. Per le località di montagna sono previste altezze inferiori. Comunque sia, c’è sempre un’altezza minima da rispettare. Se l’altezza interna nella situazione ante lavori, è già al limite del minimo previsto, in teoria non ci sono scelte, si deve demolire il pavimento esistente, per non diminuirla.

Spesso però, gli appartamenti da sottoporre a ristrutturazione, hanno più di 40 anni e all’epoca di costruzione erano obbligatorie altezze interne maggiori delle attuali. Così, per intenderci, potremmo trovarci in un appartamento con un’altezza interna di 300 cm, dove oggi il minimo previsto è di 270 cm. Abbiamo in questi casi, 30 cm di spessore ‘a disposizione’, sia per alzarci con la quota del pavimento, che -se lo desideriamo- creare controsoffitti a fini estetici, impiantistici, o di coibentazione termica/acustica.

Le altezze interne

Se l’altezza attuale interna è esattamente di 270 cm, in teoria non avremmo margine per aggiungere un pavimento sopra all’esistente. Tuttavia, questo problema era più vincolante negli anni passati, quando un nuovo pavimento, tra colla e piastrella, occupava uno spessore di circa 2 cm, e ridurre l’altezza interna da 270 cm a 268 cm, poteva seriamente compromettere le caratteristiche normative d’igiene che condizionano la stessa agibilità. Problema che normalmente si pone quando si vende/acquista un’abitazione.

I materiali oggi in commercio, per realizzare nuovi rivestimenti anche sopra gli esistenti, hanno uno spessore di 3-5 mm. Ridurre l’altezza interna da 270 cm, a 269,5 cm, è ragionevole ritenere non rappresenti un serio problema.

Superato quindi il problema dell’altezza interna, che è più di tipo psicologico/normativo, rimane quello prettamente pratico: l’apertura delle porte e dei serramenti. Normalmente, sotto le porte interne, le porte finestre dei serramenti esterni, e sotto il portoncino blindato all’ingresso, c’è uno spessore libero di 2-3 mm. Se si solleva il pavimento incollandoci sopra uno nuovo da 1,5-2,0 cm, la porta non si apre più, è evidente; e la soluzione diventa quella di alzare tutti i serramenti, o di tagliarli sul lato inferiore. Se invece utilizziamo un prodotto che abbia uno spessore di 3-5 mm, è possibile sollevare semplicemente le ante con delle rondelle ‘alzaporta’ infilate nei cardini (cerniere).

Profili tecnici di raccordo

pavimenti nella ristrutturazione

dal catalogo Progress Profiles – Asolo TV

In ogni caso, rimarrà un dislivello in corrispondenza del portoncino di ingresso, tra il nuovo pavimento interno alla nostra abitazione, e, ad esempio, il pavimento del vano scala condominiale, che rimarrà alla stessa quota. Si renderà quindi necessaria l’applicazione di un profilo di raccordo.

Gres Porcellanato Sottile

Da alcuni anni la tecnologia ha trovato una possibile soluzione: il gres porcellanato sottile. Lastre di ceramica a pasta opaca densa e dura che unisce le proprietà del gres porcellanato (elevata resistenza, facile manutenzione, numerosi formati e finiture) con lo spessore ridotto a soli 3 mm, la leggerezza, e la facilità di trasporto. Allo spessore si aggiunge eventualmente una rete in fibra di vetro da 1/2 millimetro quale rinforzo.

 

Costi

In commercio si trovano lastre in gres porcellanato sottile in vari formati, anche molto grandi. I più comuni sono 30×60   60×60   60×120 cm. I formati più grandi arrivano alla larghezza 1 metro, e lunghezza di 3 metri, nei formati 100×100   100×300 cm. Il prezzo al metro quadro per la sola fornitura del materiale (esclusa quindi la posa) varia da 70 a 120 € circa [fonte: come Ristrutturare casa | Sole24Ore]

pavimenti nella ristrutturazione pavimenti nella ristrutturazione
New Join Costruzioni Martini Impresa Edile e Studio Tecnico Geometra Padova - busta

Iscriviti alla

Newsletter

Entra nella mailing list

per ricevere le notifiche

dei post pubblicati,

dei nuovi progetti edilizi,

e delle novita' del Settore.

La tua iscrizione è andata a buon fine

Pin It on Pinterest

Share This